MON COEUR // HE/ART IN THE MAKING

LET ME TALK ABOUT MY NEW STORY...

MON COEUR

HE/ART IN THE MAKING 

 

“Avant de faire la révolution, réforme ton coeur.”

 

 

CUORE: ardire, centro, coraggio, intimo, nucleo, succo,sentimento, amore, affetto, passione, fuoco, generosità, anima, viscere, coscienza, volontà, essenza, nocciolo, punto focale, sostanza, audacia,forza d'animo, muscolo cardiaco, sensibilità, umanità, compassione, misericordia, pietà, fierezza,, slancio, trasporto, talento, volere, dentro, grembo, ventre, corpo,indispensabile, necessario, principale, elemento, materiale, ,universo, orgoglio, sedimento.

 

La vera rivoluzione sta nel mettersi in contatto con il proprio cuore. Con quello che sta prima di ciò che gli occhi vedono e più in fondo di ciò che la mente pensa.

Il linguaggio che più di ogni altro parla al cuore è l’arte in ogni sua declinazione.

Noi crediamo ancora che questa città e questo paese abbiano un cuore meraviglioso, e vogliamo scoprirlo con voi in ogni sua piega.

Per questo abbiamo sentito il bisogno di creare “Mon Coeur”, il nostro stupefacente stetoscopio sul petto del Mondo.

 

Per due Giovedì al mese Le Biciclette ospita “Mon Coeur”, una serata unica ed innovativa. Non unicamente intrattenimento ma emozioni ed arricchimento. 

Ogni appuntamento vedrà la partecipazione di un artista ( si spazierà dalla visual art ai tatuaggi, dal ricamo alla musica ) che realizzerà con una live performance un’opera unica che incarni il suo senso e la sua idea di “cuore”, senza vincolo alcuno. 

E’ ciò che si è deciso di chiamare “HE/ART IN THE MAKING”

Tutte le opere realizzate saranno esposte a Le Biciclette per l’intera stagione andando a formare un mosaico coerente ma al contempo variegato che sarà oggetto e materia prima di una mostra collettiva.

La selezione degli ospiti così come l’organizzazione e la colonna sonora delle serate sono affidate a Ilaria “Violet” Dalla Casa (fotografa e dj), Valentina “Vanille” Raimondi (make-up artist e dj) e Jack Jaselli (musicista e dj).

La musica avrà un ruolo importantissimo accompagnando ogni momento di “Mon Coeur” e viaggerà sui binari del tempo spaziando dal passato al presente avendo come elemento costante una continua ricerca e una qualità senza compromessi. Dal soul all’elettronica, dallo swing al french-touch.

“Mon Coeur” vuole essere anche un punto di ritrovo e di incontro per chi pensa col cuore, o più radicalmente per chi ancora pensa, al di là di ogni barriera convenzionale, dress-code o abitudine. Ci si sente a casa in un unico, caldo, cuore pulsante.

Inoltre, solo il Giovedì verrà servito lo speciale “Coquetel Du Coeur”, progettato ad hoc per la serata.

Tu-tump, Tu-tump.

 

INAUGURAZIONE GIOVEDI’ 11 OTTOBRE

MON COEUR Pt.1 // THE HEART OF MASSIMO GURNARI

 

Per il primo appuntamento “Mon Coeur” è onorato di ospitare Massimo Gurnari.

https://www.facebook.com/massimo.gurnari

http://www.massimogurnari.it/

 

Massimo Gurnari è nato a Milano 1981. Dopo aver frequentato e poi abbandonato le scuole d’arte ha proseguito la sua formazione nei collettivi di Street Art e negli studi di tatuaggio, partecipando a diversi movimenti e sviluppando così i suoi principali interessi: “Il tatuaggio classico - dice Gurnari - e l’iconografia dal 1950 al 70 circa a cui attingo, rendono le mie opere “popolari”, di un linguaggio semplice ed immediato. E il loro aspetto “caotico” e pieno di elementi fa sì che ognuno di noi possa instaurare un rapporto privilegiato di memoria condivisa con una o più parti dell’opera. Più che un pittore mi sento uno stilista…annuso gli umori della gente e li tramuto in opere per le future collezioni…”

La pittura, il tatuaggio, il fumetto, la grafica, il cinema e la musica sono il mondo da cui Gurnari estrapola segni di riconoscimento e stereotipi per alimentare il suo immaginario, che nonostante la grande varietà di influenze e rielaborazioni acquista una sua dimensione molto peculiare, personale.

 

 

Born in Milano in 1981. Currently living and working in Milano.High school diploma from Hajech school in Milano.Enrolled in a painitng course at Brera Accademy 1999. He leaves the course before the dissertation due to the low level of the lecturers and the frustrating atmosphere of the class.In 1995 he starts his painting career in the best possible shool: the street.During this experience he gets in touch with the new pioneers of the "graffiti style" in Italy and he makes his first tag under the nick name of "MICRO".This style is still part of the Gurnari artististic mood.This real street experience and the themes of art history melt together in the Gurnari's work, with a clear POP matrix that mantains a background of "classical sign".Currently Gurnari's inspiration is focused on the contamination from old vintage images of the tatoos designs, furniture design from the 60's and the 70's, scripts and animals...All his work is aimed to create a big box of memorabilia where present and past can co-exists.Immagine